Come Chiesa alle volte siamo proprio fantastici!

Pur di sentire di avere ancora un poco di influenza sulla res publica cerchiamo amicizie improbabili.

Però quanto è vero che la storia è magistra vitae tanto più queste amicizie vengono rimpiante negli anni seguenti.

Ma cosa abbiamo appreso dalla lettura della Scrittura?

Date a Cesare ciò che è di Cesare ed a Dio ciò che è di Dio

Eh già. Dopotutto la chiarezza dell’essere Re dei Giudei non in senso politico è stata ben evidenziata da Nostro Signore…

Purtuttavia ancora oggi si agogna il potere civile, l’influenza pubblico-legislativa, l’alleanza papato-corona.

Se le medesime energie le avessimo spese per l’evangelizzazione certamente avremmo molti più credenti e praticanti, sarebbero più formati ad una vita cristiana autentica, avrebbero la capacità di discernere nelle scelte civili ed avremmo raggiunto il risultato per la via corretta…

Altrimenti così rischiamo di cercare una configurazione civile secondo l’ottica cristiana per un popolo che non lo è più da tempo!

Categories: Pensieri

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Related Posts

Pensieri

Assenza di prossimità 

Mentre attendo in confessionale che qualcuno venga a confessarsi per Pasqua mi interrogo su quanto sia assente la prossimità in quelle che noi chiamiamo comunità cristiane. Assenza di prossimità che si tasta con mano nel Read more…

Pensieri

Il centro di tutto

Capita quotidianamente di imbattersi in persone che si reputano il centro gravitazionale di ogni cosa o persona gli sia attorno. Sono quelle persone che leggono la realtà a partire unicamente dal loro sguardo. Purtroppo esse Read more…

Pensieri

Un pensiero sulla vita della comunità…

Mi sorge spesso la domanda, come sacerdote, circa quale tipo di rapporto ci debba essere con la propria comunità. Sicuramente un rapporto di servizio a partire dal mandato che il vescovo conferisce, poi un rapporto di corresponsabilità specialmente Read more…